Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Topics - AltoGardameteo

Pagine: [1] 2 3 ... 8
1
Notizie dal resto del mondo / Record storico tedesco annullato
« il: Sab 20 Giugno, 2020, 13:17:35 »
Il 25 luglio 2019 in Germania si superarono in varie stazioni i 40°, con alcune addirittura sui 41° ed una a +42.6°
Furono sollevati vari dubbi soprattutto su quest'ultima, la stazione di Lingen (del DWD), nella zona NWdella Germania quasi sul confine con l'Olanda.
Ebbene, fin da subito molti appassionati hanno voluto vederci chiaro, e si è scoperto, com'era intuibile, che la stazione non fosse proprio a norma ... più che altro è stato osservato che probabilmente c'era un problema di schermatura dato dal fatto che con vento da NE-E-SE le massime risultavano spesso di 1.5°/2° più alte del circondario, mentre con vento da altre direzioni risultava praticamente in linea o quasi ...
La causa ? è ben chiara da questa immagine presa dal forum di Wetterzentrale

Il boschetto a NE-E-SE ovviamente provocava una sorta di "ombra ventosa" con venti da quella direzione, togliendo quindi la circolazione dell'aria alla stazione dove probabilmente lo schermo non era proprio a posto, con conseguenze ben intuibili.
Il DWD dopo attenta analisi ha confermato il problema, annullando quel record di +42.6° ed ha già trovato una nuova postazione più idonea per la stazione.

2
Apro il thread per postare periodicamente i dati che scaricherò ogni tot giorni dal Datalogger Engbird che, opportunamente schermato, ho posizionato nella zona di campagna a nord i Riva, vicina al confine con il comune di Arco.

Localizzazione nella Busa



Posizione più particolareggiata con segnata anche la mia stazione



Vista verso SW con il lago sullo sfondo dietro Riva e Varone sulla destra



Vista verso nord / Arco



Vista "panoramica" da ovest verso est



La zona è leggermente "indolinata" fra il conoide alluvionale di Varone e quelli, più leggeri, nella zona ovest di Arco (Varignano etc).
In questa (un pò vecchia) mappa del rilievo, viene evidenziata in azzurro l'area della piana di Riva-Arco sotto gli 82m di altitudine, e si nota bene la leggera "conca" nella zona NW dove si trova il sensore.



Mappa geologica con ben evidenziati i conoidi, dove si nota anche qui la piana "incastonata" fra quelli di Varone, Arco e Varignano.


Foto della postazione



La stazione si trova esattamente a 76 m di altitudine.

3
Visto anche l'episodio recente di Santa Lucia, spero possa risultare interessante questa breve e semplice carellata di episodi nevosi caratterizzati tutti da una sinottica molto simile se non praticamente uguale, ovvero veloci  e "strette" saccature in transito da W-NW sulla nostra regione, con spesso annessa, per alcune ore, una Genova-Low in movimento verso est.

Per ogni evento sono ovviamente presenti gli accumuli nevosi di Trento, Rovereto e Riva, oltre ad un'occhiata più a sud grazie alla serie vicina disponibile più completa, ovvero Brescia.


Un esempio “standard” di questa sinottica può essere quella del 27 dicembre 2014





Premessa 1: nella maggioranza dei casi, vista la natura della circolazione in cui di solito si inseriscono, il peggioramento è stato preceduto nei 2 giorni precedenti da un episodio di Föhn fresco, mentre in 3 o 4 casi era presente solo un modesto cuscinetto di aria fredda.

Premessa 2: come accennatto in paertura, questo piccolo report nasce anche e soprattutto dopo l'episodio recentissimo di Santa Lucia.
A causa di due fattori, ovvero la temperatura leggermente soprazero di 2-4 decimi sotto i 250-300m di quota e la discontinuità dell'intensità della neve (che ha avuto praticamente sempre un canovaccio fatto di 15-20 minuti di neve moderata che accumulava bene, e poi 20-30 minuti di neve debole con accumulo praticamente nullo), la crescita del manto nevoso in Busa sotto quella quota è risultato difficoltoso, tanto da non superare i 2cm (e solo localmente avvicinarsi ai 3 cm, come a Bolognano), mentre oltre i 250-300m si sono depositati ca. 5 cm, quindi praticamente lo stesso accumulo di Rovereto e Trento.

Questo ha generato alcuni commenti del tipo “eh ma d'altronde è sempre così” “è tipico” etc

Ma è davvero così ?  vediamo.


31 gennaio 1952

Condizioni del giorno prima:  parzialmente nuvoloso per nubi alte, -5°/+1° 

Accumuli
Trento  16 cm  ( rapporto cm x mm   1.6 cm per 1 mm)
Rovereto  23 cm  ( 2.3 )
Riva 20 cm  ( 1.6 )

Brescia  xxxx


27 dicembre 1984

Condizioni del giorno prima:  sereno, -4°/+2°  (Föhn il 22-23 dicembre)

Accumuli
Trento  8 cm  ( 2.2 )
Rovereto  8 cm  ( 1.7 )
Riva 10 cm  ( 1.6 )

Brescia  5 cm

______________________________________________________________________________

12 febbraio 1988

Condizioni del giorno prima:  poco nuvoloso, -1°/+8° 

Accumuli
Trento 11 cm  ( 1.1 )
Rovereto  8 cm  ( 0.5 )
Riva  6 cm  ( 0.3 )

Brescia  0 cm

______________________________________________________________________________


24 dicembre 1993

Condizioni del giorno prima:  sereno, -1°/+8°  (Föhn il 22 dicembre)

Accumuli
Trento  26 cm  ( 1.2 )
Rovereto  23 cm  ( 0.9 )
Riva 15 cm  ( 0.7 )

Brescia  0 cm acquaneve nel finale

______________________________________________________________________________


19 gennaio 1998

Condizioni del giorno prima:  sereno, 0°/+9°  (Föhn il 17 gennaio)

Accumuli
Trento  12 cm  ( 1.1 )
Rovereto  5 cm  ( 0.5 )
Riva 3 cm  ( 0.3 )

Brescia  0 cm

______________________________________________________________________________


9 febbraio 1999

Condizioni del giorno prima:  sereno, 0°/+8°  (Föhn)

Accumuli
Trento  10 cm   (1.8 )
Rovereto  20 cm  ( 1.5 )     *vedasi nota nel commento a fine post
Riva 14 cm  ( 1.4 )

Brescia  1 cm

______________________________________________________________________________


18 gennaio 2005

Condizioni del giorno prima:  poco nuvoloso, -4°/+4° 

Accumuli
Trento  12 cm  ( 1.3 )
Rovereto  16 cm  ( 1.8 )    *vedasi nota nel commento a fine post
Riva 7 cm  ( 0.9 )

Brescia  6 cm

______________________________________________________________________________


29 novembre 2005

Condizioni del giorno prima:  poco nuvoloso, -2°/+5° 

Accumuli
Trento  8 cm   ( 1.8 )
Rovereto  6 cm  ( 1.1 )
Riva 8 cm ( 1.1 )

Brescia  0 cm  neve umida a tratti, senza accumulo

______________________________________________________________________________


24 novembre 2008

Condizioni del giorno prima:  sereno, -2°/+8°  (Föhn)

Accumuli
Trento  10 cm  ( 2.2 )
Rovereto  16 cm ( 2.4 )
Riva 12 cm  ( 1.7 )

Brescia  1 cm

______________________________________________________________________________


27 dicembre 2014

Condizioni del giorno prima:  sereno, 0°/+11°  (Föhn)

Accumuli
Trento  6 cm  ( 1.5 )
Rovereto  8 cm  (1.9 )
Riva 6,5 cm  ( 1.2 )

Brescia  4 cm

______________________________________________________________________________


12-13 gennaio 2017

Condizioni del giorno prima:  nuvoloso, a sera ampie schiarite, -4°/+2°

Accumuli
Trento  6 cm  ( 1.2 )
Rovereto  7,5 cm  ( 0.9 )
Riva 7,5 cm  ( 0.8 )

Brescia  2 cm

______________________________________________________________________________


13 dicembre 2019

Condizioni del giorno prima:  nuvoloso -1°/4° (Föhn l'11 dicembre)

Accumuli
Trento  6 cm   (1.3 )
Rovereto  5 cm  ( 1.0 )
Riva 2 cm ( 0.4 )

Brescia  0 cm acquaneve, localmente 1 cm





Note e considerazioni
Osservando tutti gli episodi, si evince come a parità di precipitazioni equivalenti, nella maggioranza dei casi gli accumuli siano piuttosto uniformi; rispetto a Riva e Rovereto, in uno o due episodi si nota un certo accumulo maggiore a Trento grazie ovviamente alla temperatura maggiormente sottozero e quindi neve più asciutta (19 gennaio 1998 o 12 febbraio 1988).

Nell'episodio del 9 febbraio 1999 Rovereto ha chiaramente goduto di maggiori precipitazioni equivalenti: infatti a fronte dei suoi 14 mm, Riva ne ricevette 10 e Trento 6.

Un pò curioso invece il dato del 18 gennaio 2005: le precipitazioni equivalenti sono state pressochè uguali (ca. 8-9 mm sia a Riva, a Rovereto ed a Trento), mentre come temperature "di nevicata" a Riva è stata sullo 0°, a Rovereto attorno a -0.5°  ed a Trento -1°
4 cm in più (16 cm a Rovereto a fronte dei 12 di Trento) con mezzogrado di più e stessi mm, mi sembra un pò strano come dato.

Il Sart a Mori registrò però ben 19 cm, ma è notorio come Mori sia spesso abbastanza "un mondo a sè" rispetto a Rovereto ed il resto della conca Lagarina, data la sua posizione leggermente più rialzata e la vicinanza "fredda" della conca di Loppio (emblematico il caso dell'11 marzo 2004, vissuto di persona, con 2-4 cm di palta a Rovereto ed invece ca. 20cm a Mori).


Nel caso invece del 24 novembre 2008, a fronte di precipitazioni piuttosto uniformi (Riva 7 mm, Rovereto 6.6 mm e Trento 5.6 mm) , si nota anche in questo caso un accumulo alquanto maggiore a Rovereto; come valore (16 cm) ho messo quello indicato dal Pippo nel nowcasting all'epoca, dove comunque diceva di aver visto dai 15 ai 20 cm in città.
La temperatura durante l'evento sia a Riva che Rovereto era qualche decimo sottozero, a Trento fra -0.6° e -0.8°.

Sarebbe interessante capire il perchè del maggior accumulo nevoso in questo paio di episodi.


La nevicata del 24 dicembre 1993 rientra sinotticamente nella categoria di nevicate prese in esame, ma rispetto a tutte gli altri casi l'entrata da W-NW fù leggermente più incisiva ed occidentale, tanto che i mm equivalenti furono ben superiori alla "media" della sinottica, con ben 20-25 mm diffusi; la differenza di accumulo la fece ovviamente la temperatura (una manciata di decimi sopra lo 0° a Riva, qualche decimo meno a Rovereto e Trento), con resa mm=cm migliore in val 'Adige.



Vedrò magari di integrare il post con ulteriori dati.

Buona serata  :)

4
Buon lunedì

Apro il topic con le conferme dei modelli per la possibile föhnatina fresca il 10 dicembre, seguita da fronte da W-NW a Santa Lucia, con conseguenze abbastanza immaginabili.







5
Il tempo sul Trentino - Alto Adige / Südtirol / 9 anni fa
« il: Sab 22 Dicembre, 2018, 14:21:15 »
Qualche foto-ricordo della nevicata fra 21 e 22 dicembre 2009, che se non fosse stata seguita da un abominio di 3 giorni di diluvio universale, sarebbe stata probabilmente una delle più belle degli ultimi 30 anni (e cmq tralasciando lo schifo in coda, lo è).

Non solo o tanto per la quantità, almeno qui in Busa (26 cm max al suolo, 30 cm in totale), ma in particolare per la qualità "canadese" essendo caduta prevalentemente fra -4° e -2°.















6
Fotografia / Lago di Cei, uno dei piccoli "angoli di Vermont" del Trentino
« il: Gio 25 Ottobre, 2018, 19:05:29 »
Dopo anni finalmente sono riuscito a farci un salto per la prima volta in vita mia; davvero stupendo !











7
Notizie dal resto del mondo / Nevi giapponesi
« il: Mar 09 Ottobre, 2018, 14:48:51 »
Ieri sera avevo un'oretta da buttare, ed ho voluto approfondire un pò la climatologia invernale del Giappone.

Mappa del Giappone comprensiva di alcune delle località che citerò nel post
https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/8/81/Topographic_map_Japan-en.svg

E' risaputo, almeno fra noi appassionati, che stante la circolazione fredda dalla Siberia, la costa ovest del Giappone e le zone pedemontane verso la catena montuosa interna, ricevano vagonate di neve attraverso il lake effect dal mar del Giappone e conseguente Stau contro la catena; e che, di conseguenza, la costa est con Tokyo in primis, veda ovviamente per contro molti giorni sereni e secchi con venti di Föhn.



Conoscevo qualche dato a spanne, ma non avevo mai davvero approfondito la cosa fino a ieri sera.
Beh, bisogna dire che alcuni dati sono davvero impressionanti ; e non parlo solo delle enormi quantità o di quanti giorni con neve si registrino, ma anche le differenze locali medie che possono essere davvero enormi anche nel giro di poche decine di km.



Una delle cose che salta all'occhio osservando i dati, è ad esempio come alcune città "nevose" della costa ovest nella fascia latitudinale centro-meridionale, registrino valori notevolissimi di neve (2-3 metri annui), ma con temperature medie invernale molto "al limite"; di conseguenza le nevicate sono spesso molto umide e solo la loro frequenza permette una certa durata del manto nevoso, dato che ogni nevicata (spesso sotto formai di rovesci di poche ore) soffre di forte ciclo di scioglimento.

Tanto per fare un esempio, la città di Kanazawa (https://en.wikipedia.org/wiki/Kanazawa#Climate) registra annualmente 280 cm e 55 giorni con neve, ma gennaio (120 cm) ha medie di +1°/+7° ! 



Facile dunque capire come le nevicate debbano essere quasi sempre molto al limite ed umide.



Più si va verso nord e soprattutto si rimane appena dietro la fascia costiera, nelle prime vallette delle "prealpi", più gli accumuli diventano davvero paurosi: alcune città dell'entroterra della "provincia" di Niigata come ad esempio Tokamaci (https://en.wikipedia.org/wiki/T%C5%8Dkamachi#Climate) oppure Uonuma arrivano addirittura a registrare 10/11 metri di neve annui medi.

http://www.hotelroomsearch.net/im/city/tokamachi-japan-11.jpg





Fra l'altro queste località contano addirittura dai 25 ai 28 giorni con neve ogni mese fra dicembre e febbraio ! infatti in quasi tutte le giornate si hanno almeno dei rovesci di neve e la nuvolosità è frequente.

Sulla costa la nevosità cala un pò, sia per motivi termici che di stau , ma rimane comunque nell'ordine dei 3-4 metri annuali  (https://en.wikipedia.org/wiki/Sakata,_Yamagata#Climate) , anche 6 nelle città situate un pochino più all'interno nelle pianure della fascia costiera.


L'immensa nevicata del 1963 a Nagaoka

https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Heavy_snowfall_1963_Nagaoka_by_Geotechservice_04.jpg

https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Heavy_snowfall_in_1963_-_Nagaoka_02.jpg

https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Heavy_snowfall_1963_Nagaoka_by_Geotechservice_03.jpg

https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Heavy_snowfall_1963_Nagaoka_by_Geotechservice_05.jpg

Come spiegavo in apertura, sono molto interessanti da osservare anche queste differenze medie di nevosità, dovute sia alle temperature, che soprattutto allo stau; basta spostarsi più verso l'interno della fascia montuosa perchè la nevosità cali molto, nonostante magari temperature più fredde.
Ad esempio già Nagano (https://en.wikipedia.org/wiki/Nagano_(city)#Climate) riceve "solo" 2 metri e mezzo annui, la stessa quantità di Niigata nonostante 4° in meno sulle medie termiche di gennaio (Niigata 0°/5°, Nagano -4°/3°).
D'altronde mentre sul versante costiero "ovest" cadono 200-300 mm a gennaio, già a Nagano cadono solo una 50ina di mm.
A Matsumoto (https://en.wikipedia.org/wiki/Matsumoto,_Nagano#Climate), in una conca nel pieno centro del Giappone montuoso, siamo sui 70-80 cm annui.

Poi, come notorio, quando si passa sul versante est della catena montuosa che attraversa il Giappone, le precipitazioni invernali crollano sui 20-40 mm al mese e si hanno solo 10-15 cm di neve annui (https://en.wikipedia.org/wiki/Tokyo#Climate), anche solo 5-6 cm nelle città più a sud come Nagoya e Osaka (https://en.wikipedia.org/wiki/Osaka#Climate).
In queste zone la nevosità annua è quasi "retta" magari da una o due singole nevicate invernali da 15-20 cm, in particolare nel caso di Tokyo, dove nel corso degli ultimi 100 anni si sono avuti solo 5 o 6 eventi sui 25-35 cm.

Nella zona nord del Giappone e l'isola di Hokkaido, si hanno sempre notevoli quantità di neve nell'ordine dei 7-8 metri annui, ma non si toccano i 10-11 delle zone di cui vi accennavo prima.
Ovviamente in questa zona le temperature sono anche piuttosto basse, in particolare in alcune conche come quella di Hirakawa o Asahikawa nell'isola di Hokkaido (Sapporo)   https://en.wikipedia.org/wiki/Asahikawa,_Hokkaido#Climate


Inutile dire che le località sciistiche pullulano, anche se cmq non so quanta "usabilità" abbiano alcune contando che quasi tutti i giorni sono nuvolosi o nevosi ...





Articolo inglese di wikipedia sul tema della zona nevosa del Giappone
https://en.wikipedia.org/wiki/Snow_country_(Japan)


Ciao  :)

8
Il tempo sul Trentino - Alto Adige / Südtirol / Analisi modelli Autunno 2018
« il: Mar 25 Settembre, 2018, 20:47:29 »
Mi permetto di aprire il topic, dato che stavamo discutendo ancora su quello di luglio/agosto  ;D

Reading che continua a dare buoni segnali anche nel 12Z: già sabato finisce la "scaldatina" di giovedì/venerdì, con rientro fresco da N-NE



e poi sembra confermarsi il possibile spostamento dell'alta atlantica più al largo, che permetterebbe una buona pulsazione sui meridiani con formazione di minimo sull'alto Tirreno/Ligure, in isolamento poi sullo stesso, anche in quota.






Speriamo in conferme !

Intanto anche gli spaghi GFS sembrano confermare questa tendenza.

9
Strumenti meteo / Nivometro automatico ad ultrasuoni
« il: Dom 31 Dicembre, 2017, 13:20:09 »
Apro questo topic per discutere del tema che da un paio di annetti mi attira, ma che finora non avevo mai approfondito.

Ora, parlando con Meteoballino l'altro ieri, ho saputo che con il micro-computer Arduino ed uno dei suoi innumerevoli sensori opzionali, si può realizzare un nivometro automatico ad ultrasuoni con davvero pochi euro.

http://www.san-basilio.it/index.php?option=com_content&view=article&id=67:sensore-per-cm-neve-caduta&catid=81&Itemid=579

http://www.giuseppecaccavale.it/arduino/sensore-ad-ultrasuoni-hc-sr04-arduino/

Sarebbe una figata poterlo realizzare e magari mettere online !

Chiedo dunque a Luca se c'è qualcuno che ci sta già smanettando ed a che punto sono  ;)

10
Fotografia / Nevicata 10-11 dicembre 2017 a Riva
« il: Ven 15 Dicembre, 2017, 13:21:45 »
Qualche scatto fra le 14:00 di domenica e le 9:00 di lunedì a Riva, con un scatto "extra" da Arco al mercatino.


 













Clip video

11
Meteodidattica regionale / Estate 2017 - diamo i numeri ...
« il: Mar 12 Settembre, 2017, 22:18:52 »
Facciamo un riepilogo per stazione/zona ?



Parto con i miei dati di Riva: l'estate 2017 si colloca al 3° posto fra le più calde dal 1995 ad oggi, dopo quella del 2003 e quella del 2015.
Per quanto riguarda le precipitazioni, a fronte di un accumulo non molto lontano dal normale (303 mm contro 315 mm), il tutto è caduto in soli 23 giorni con pioggia (normale 34 giorni) , ovvero il totale stagionale minore dal 1995 ad oggi.

TEMPERATURA

La media dell'estate ha chiuso a +23.4°, come detto il terzo valore più alto dopo i +24.7° dell'estate 2003 ed i +24.1° di quella 2015.


La massima assoluta è stata di +34.4° (record +36.9° nel 2003) mentre la minima è stata di +12.6° (record i +6.9° del 30 agosto 1995).

I giorni con massima sopra i 30.0° sono stati 32 (normale 19) mentre le minime sopra i 20° sono state 14 (normale 8)


PRECIPITAZIONI
Come accennato, il totale caduto, 303.2 mm non è stato molto sotto il normale (316 mm), ma è caduto in soli 23 giorni, ovvero una buona dozzina in meno del normale.





12
'sera

Da qualche tempo con Luca/Meteoballino si parlava di fare una meteocena di tutti gli utenti dell'alto Garda e della zona del Bleggio, che dovrebbero essere i seguenti

- il sottoscritto
- Ivano di Arco
- Alberto di Dro
- Luca di Ballino
- William di Cares
- Mauro di Bolognano
- Denis di Arco

Probabilmente dovrebbe esserci anche Christian di Riva (che ora abita a Mori) e forse anche il gestore della stazione di Massone/Arco (che sto cercando di contattare).

Naturalmente la cena è aperta anche a "quei de fora" ;D ;)


La sede facilmente sarà la pizzeria "Da Lucio" a Ballino, posto ben conosciuto da quelli della Busa e sicuro ristoro in caso di calura.

Per quanto riguarda la data, è da decidere: si potrebbe fare un sabato sera, ad esempio il 24 giugno (ma forse è un pò prestino, abbiamo solo 12 giorni) oppure il 1° luglio o l'8 luglio.


Ci aggiorniamo  :)

13
Il tempo sul Trentino - Alto Adige / Südtirol / Modelli giugno 2017
« il: Sab 03 Giugno, 2017, 13:35:51 »
Proseguendo la discussione dal topic di maggio, in riferimento agli 00 di ieri: mah, era stato giusto attenuato un pelino, ma il passaggio instabile c'era ancora quasi dal tutto.

E cmq lo sapete bene quanto sia sbagliato lasciarsi influenzare da un solo, isolato run (magari molto diverso da tutti i precedenti); non si può lasciare totalmente e pedissequamente una tendenza meteo ai capricci dei singoli run.
E' cosa buona darsi una tendenza "fissa" generale, che va leggermente smussata di volta in volta a seconda della tendenza dei run (meglio se 2-3); ma passare da 14° con 80 mm di pioggia a dire 27° con due gocce nel giro di 12 ore, serve a poco ed anzi è controproducente.

Intanto due cose per i prossimi giorni: vedere quanti mm, quanto mai attesi, cadono fra domani e martedì, e poi le minime di mercoledì, che potrebbero essere belle frizzanti.

14
Buondì e buona Pasquetta

Variabilità e temperature in calo come da attese; per ora cmq solo qualche sparuta goccia, ma per oggi in effetti non c'erano e non ci sono grosse chances di rovesci.

Intanto vento fresco da sud, +13.9°, 64%, nuvole sparse con sole a sprazzi; tempo tipico per metà aprile, finalmente.

15
Meteodidattica regionale / Febbraio 1901, neve e gelo a gogo
« il: Mar 21 Marzo, 2017, 13:47:11 »
Qualche volta ne avevo sentito parlare, ed analizzandolo meglio ora mi domando come non venga citato più spesso  :o

Fù infatti uno dei febbraio più nevosi E freddi degli ultimi 100-150 anni, anche e soprattutto in Trentino ... cosa che, sappiamo bene, difficilmente avviene in contemporanea ... ma non quella volta ...

Il mese si aprì con 3 nevicate nei primi 8 giorni, e proseguì poi col gelo soprattutto attorno alla metà del mese.


Giusto per capirci



























Venendo a qualche dato, si ha qualche notizia per il basso Trentino, ovvero Riva e Rovereto: da quelli disponibili, ho provato a fare un riassunto

1-2 Febbraio : fra i 40 e 50 mm di neve

4-5 Febbraio : fra 30 e 35 mm di neve

7-8 Febbraio : fra 4 e 6 mm di neve

In totale in Busa caddero fra i 90 e 120 mm equivalenti di neve con 8 giorni con caduta di neve.

Mancano purtroppo gli equivalenti in cm, mentre vi è qualche dato di Rovereto e di Ballino anche se riguardano solo l'altezza al suolo e non i cm caduti: cmq da quei dati dovrebbero essere caduti fra i 40 e 50 cm solo nella nevicata dell'1-2 febbraio, mentre poi dovrebbe essere scesi ulteriori 15-30 cm in quella del 4-5 febbraio e qualche altro cm il 7-8.

Da alcuni articoletti dell'epoca si legge di comunicazioni interrotte e di qualche danno.


Per quanto riguarda il freddo, vi sono i dati della stazione di San Michele all'Adige con una minima assoluta di -14.4° il 17 febbraio; fra l'altro fra il 14 e 17 febbraio le massime non andarono oltre i -6°  :o



Pagine: [1] 2 3 ... 8