Meteo > Notizie dal resto del mondo

Nowcasting Lunigiana-Nord Toscana

(1/6) > >>

Debia:
Ciao a tutti!
[/size]Ho pensato di aprire un nowcasting dedicato alla Lunigiana e alla zona delle Alpi Apuane, l’avamposto nord del territorio toscano che forma la provincia di Massa/Carrara, il mio focus principale sarà il comune di Pontremoli capoluogo dell’estesa Lunigiana dove per vari motivi mi ritrovo a trascorrere molto tempo durante l’anno.[/size] Spero possa interessarvi dare di tanto in tanto un occhiata a questa pagina dove racconterò il clima e la natura che per molti aspetti è davvero simile ma allo stesso tempo diversa ed "esotica" per gente come noi abituata al nostro clima.

Debia:
Qui di seguito descrivo velocemente il contesto climatico della zona che è decisamente vario e per molti aspetti estremo. Sopratutto per quanto riguarda le precipitazioni monsoniche che lo caratterizza in certi periodi dell’ anno.
[/size]
[/size]Come città capoluogo questa provincia ne ha ben due Massa e Carrara situate una affianco all’altra nella pianura che divide il mare dalle le Alpi Apuane. Le città sono situate nella parte Nord-Occidentale della Toscana, allo sbocco della valle del Fiume Frigido e vallate secondarie provenienti dalle cave di marmo, a circa 65 metri sul livello del mare. Sorgono alle pendici delle Alpi Apuane, con rilievi che nelle immediate vicinanze della città toccano i 1900 metri. Il mare, con il rinomato litorale della Versilia, dista poco meno di 5 km dal centro città. La presenza di questi due elementi, mare e monti, a così poca distanza, rende Massa e tutta la sua provincia una zona unica. Il clima di Massa si può definire quasi sicuramente il PIÙ MITE dell’intera Italia Centro-Settentrionale. Basti pensare che a Massa, in centro, sono tantissimi gli alberi di arancio che crescono come ornamento in piazze e viali. Ma perché un clima così mite? I fattori che lo rendono tale sono parecchi: prima di tutto le Alpi Apuane, con vette fino a 1947 metri, che fungono da vera e propria barriera naturale contro i venti freddi da Nord-Est. In secondo luogo, ovviamente la vicinanza del mare, che mitiga specie in inverno, tutta la zona; la sua capacità mitigatrice non si limita solo al litorale, ma seppur meno accentuata s’inoltra fino a 20-30 Km nell’interno (basti pensare a tutto il versante marittimo delle Alpi Apuane e dell’Appennino).
[/size]Nella zona di Massa e sul litorale Apuo-Versiliese, le nevicate sono un evento eccezionale. In media una ogni 20 anni. L’ultima nevicata significativa infatti risale al lontano gennaio 1985. E’ abbastanza raro,  nelle mattinate d’inverno, anche assistere a temperature minime prossime o lievemente inferiori allo zero. In inverni normali, mediamente non si superano i 5 giorni con temperatura minima pari o inferiore allo 0°. Un’altra caratteristica del clima di Massa e della sua zona è l’elevata piovosità. Abbiamo detto prima che le Alpi Apuane fungono da barriera ai venti freddi settentrionali…ma non solo: lo stesso infatti accade con le correnti molto umide che provengono da Sud-Ovest. Questo determina un maggiore stazionamento delle nubi, cariche di pioggia dopo aver attraversato il Mar Tirreno, e quindi una piovosità decisamente maggiore del normale.
[/size]
[/size]A Massa e nella vicina Carrara la media pluviometrica annua si aggira intorno ai 1200 mm, ma sui crinali e in alcune particolari vallate particolarmente esposte la media raggiunge i 4000 mm annui, facendo spesso queste due località le PIU PIOVOSE D'ITALIA assieme alle Alpi Carniche, in Friuli. In mesi più piovosi si concentrano in autunno e sono generalmente ottobre e novembre.
[/size]In estate invece le temperature massime, al contrario, sono tra le più fresche della regione: la vicinanza del mare e quindi la vivace brezza, riescono a rinfrescare anche i più caldi pomeriggi di agosto. Quando invece, per particolari condizioni, la brezza marina è quasi assente, ecco che la colonnina di mercurio sale. E’ raro comunque che si riescano, in estati nella norma, a superare i 35°. Da maggio a settembre sulle Alpi Apuane si posso generare, nelle ore più calde della giornata, temporali termoconvettivi talvolta intensi e che posso sconfinare fino al litorale. E’ stato il caso del 19 giugno del 1996, quando in un sol giorno nell’Alta Versilia caddero fino a 600 mm di pioggia, causando così un’alluvione che portò alla morte di decine di persone e alla completa distruzione di alcuni paesi della vallata a Nord di Seravezza. Ma purtroppo questo non è l’unico caso di grave dissesto idrogeologico: l’elevata piovosità e la particolarissima morfologia dei rilievi apuani fanno si che le alluvioni, anche gravi, si verifichino con una certa frequenza.
[/size]
[/size]Massa e provincia si può definire una zona piuttosto ventosa: in inverno infatti la Tramontana, quando è forte, riesce a filtrare alle spalle della città, e ad incanalarsi nella valle del Frigido, giungendo in città con parecchia forza. Capita di tanto in tanto che la Tramontana, soffi fino a 90-100 Km/h, causando ingenti danni ai boschi alle spalle della città, con centinaia e centinaia di alberi divelti dalla furia del vento. Anche il Libeccio spesso raggiunge velocità notevoli, causando mareggiate lungo il litorale. Durante il giorno, come dicevo prima, è attiva la brezza di mare che solitamente raggiunge i 25-30 Km/h. Dopo il tramonto invece è la volta della brezza di monte; quest’ultima talvolta raggiunge velocità decisamente notevoli per una brezza: non sono rarissimi i casi in cui si toccano i 50-60 Km/h nella tarda serata. Ho parlato del clima della città di Massa, del litorale Apuo-Versiliese e dei rilievi apuani ma più dei 2/3 della provincia di Massa-Carrara sono occupati dalla Lunigiana. La Lunigiana è la punta più settentrionale della Toscana, stretta tra i confini di 2 regioni: la Liguria con la provincia di La Spezia a Sud-Ovest e l’Emilia-Romagna a Nord-Est con Parma e Reggio Emilia.
[/size]
[/size]La Lunigiana non è altro che una vallata attraversata dal Fiume Magra e dai suoi numerosi affluenti che scendono dalla’Appennino. All’interno di questa zona si può trovare un notevole numero di microclimi. La parte “bassa” della vallata, con i paesi di Aulla, Podenzana e Villafranca, è la più vicina al mare, ma non per questo la più mite: protetta dal flusso mitigatore a Ovest dalle propaggini Sud-orientali dell’Appennino Ligure e refrigerata dal Magra, questa zona è parecchio fredda e  MOLTO NEBBIOSA in inverno e afosa in estate; presenta un clima non molto differente da quello che caratterizza la Pianura Padana. Rilevante anche l’elevata escursione termica sia giornaliera che annuale. Poco più a Nord, nei pressi di Pontremoli, troviamo la parte più alta della vallata: qua il clima è ancora più freddo nella stagione invernale ma in estate il refrigerio è maggiore, anche grazie alla presenza quasi costante di una vivace brezza. Piuttosto frequente, in tutta la bassa vallata del Magra, il fenomeno della nebbia, specie nelle mattine invernali e dopo le abbondanti piogge d’autunno. Queste due zone sono circondate e sovrastate da una sorta di fascia “pedemontana” dell’Appennino, dove troviamo i paesi di Fivizzano, Licciana Nardi, Bagnone e proprio sotto i rilevi tosco-emiliani Comano e Casola. Qua a causa dell’altitudine ovviamente più elevata gli inverni sono generalmente abbastanza nevosi e rigidi; le estate fresche. Nella stagione invernale i giorni di gelo si aggirano intorno ai 30/40. Infine troviamo l’ultima fascia climatica: la zona appenninica. Si parte da 600 metri per arrivare ai 2000 metri di alcune vette del crinale. Quassù le precipitazione nevose sono frequenti e spesso abbondanti da novembre ad aprile; in quota si può arrivare ad avere anche 5/6 metri di accumulo mentre in alcuni punti ben protetti (canaloni ombrosi) accumuli di neve, piccoli nevai, posso resistere fino a tardo giugno-primi di luglio. In questa fascia non a caso sono sorte alcune note località sciistiche: Zum-Zeri nella Lunigiana Nord-Occidentale e Cerreto Laghi e PratoSpilla sul crinale appenninico, appena al di là dei dei confini provinciali con Reggio Emilia e Parma.

Giacomo da Centa:
Interessante! Grazie

Debia:
Inizio questo nowcasting dopo un lunghissimo periodo di noia meteo in questa zona dove l’unica cosa che faceva notizia era l’enorme siccità durata davvero parecchi mesi (cosa inusuale per la zona).
Sono qui a Pontremoli da giovedì sera e da allora il sole non si è mai fatto vedere se non per qualche minuto ieri tra un acquazzone e l’altro. Da venerdì mattina ad ora sono caduti a scrosci più o meno intensi e duraturi 128 millimetri di pioggia. In pochissimi giorni i prati secchi stanno tornando verdi e la natura sembra davvero tirare un sospiro di sollievo.
Temperatura che si aggira in questi giorni tra i 13 e i 24ºC quindi ancora fattibile per un abbigliamento estivo.

Al momento piove leggermente 23 millimetri dalla mezzanotte, 18.2ºC


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

MrPippoTN:
Interessante, Debia! Daje!

Navigazione

[0] Indice dei post

[#] Pagina successiva

Vai alla versione completa