Autore Topic: L'importanza dei dati amatoriali a livello scientifico  (Letto 308 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline yakopuz

  • Socio MTAA 2020
  • Veterano
  • ****
  • Post: 4028
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
  • Località: Trento (casa)
  • Quota: 190 m s.l.m.
L'importanza dei dati amatoriali a livello scientifico
« il: Gio 11 Febbraio, 2021, 09:41:46 »
Giro questo articolo di intesse sull'uso di dati di meteofili a livello scientifico
 The use of personal weather station observations to improve precipitation estimation and interpolation https://hess.copernicus.org/articles/25/583/2021/
  • Bolzano (lavoro)
  • Villazzano TN (320 m) Davis Vantage Vue
Il futuro e' nel presente ... devi solo sapere dove e'

Offline AltoGardameteo

  • Consiglio Direttivo MTAA
  • Eroe del forum
  • *****
  • Post: 16702
  • Sesso: Maschio
  • Freddo-nivofilo
    • Mostra profilo
    • altogardameteo
  • Località: Riva del Garda
  • Quota: 111 m s.l.m.
Re:L'importanza dei dati amatoriali a livello scientifico
« Risposta #1 il: Lun 15 Febbraio, 2021, 12:51:56 »
E' chiaro che le stazioni amatoriali, ovviamente quelle gestite e installate propriamente secondo le norme WMO, siano un preziosissimo aiuto per alcune richerche, dato il loro numero sempre superiore.
Se pensiamo anche solo a certe mappe plottate da reti per il 90% fatte da stazioni private (vedasi Meteonetwork), queste erano assolutamente impensabili fino a 15-20 anni fà.

  • Davis Vp2 + sensore radiazione solare | Datalogger Engbird
  • Hikvision Darkfighter 8mp 2.8 mm + Hiseeu 5mp 2.8 mm + Hiseeu 8mp 6mm